Trovati 195 documenti.

Mostra parametri
Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Melio, Iacopo

Faccio salti altissimi. La mia storia oltre le barriere, tra ruote bucate e amori fuori tempo

06/03/2018

Abstract: Iacopo Melio è un attivista per i diritti umani e civili: presta la voce a chi non ce l'ha, a chi si sente sconfitto in partenza, a chi ha troppa paura per tirarla fuori, usando parole come "libertà" e "uguaglianza", "giustizia" e "dignità". Rompiscatole per natura, a sovvertire regole e previsioni ha iniziato presto, scegliendo la vita. Iacopo ha venticinque anni e la sindrome di Escobar, una malattia genetica talmente rara che, secondo la scarsa bibliografia scientifica esistente, comporterebbe sintomi troppo vari per essere classificati. Essendo nato con la camicia, di sintomi ne ha una gran varietà: tra questi, uno straordinario senso dell'umorismo. Armato di penna e arguzia, e di una pagina Facebook che conta oltre 600.000 followers, rema quotidianamente contro i pregiudizi e i luoghi comuni: bersaglia chi parcheggia nei posti per disabili pensando che siano un inutile favoritismo; chi è convinto che i venticinquenni in carrozzina rimangano bambini per tutta la vita (figuriamoci avere una ragazza); chi dà per scontato che quattro ruote servano per muoversi, ma solo in casa. Per questo, nel 2015 ha fondato #vorreiprendereiltreno, una onlus che si occupa di sensibilizzazione all'abbattimento delle barriere architettoniche e culturali attraverso progetti sul territorio e un'attività mediatica costante. Faccio salti altissimi è un gioiello di buona scrittura e di autoironia. È un libro in difesa della libertà di essere se stessi, nel rispetto dell'unicità di ciascuno e nel superamento di un fuorviante, oltre che riduttivo, concetto di "normalità", che ci vorrebbe tutti uguali, matrioske prodotte in serie. Ma è anche la storia di un ragazzo come tanti, "pezzi di vita e sogni incollati addosso", con la testa piena di progetti e speranze.

Quattro al secondo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Fioretti, Susanna

Quattro al secondo

Stampa Alternativa, 06/02/2018

Abstract: Sulla Terra nascono quattro bambini al secondo. Un dato reale, che dà spunto al racconto della vita di cinque bambine: nate contemporaneamente, in luoghi in tutti i sensi lontani uno dall'altro ma, come si scoprirà, legate da un filo invisibile. Un libro su caso e destino, che descrivendo fatti, paesaggi, famiglie, credenze e tradizioni da cui i personaggi sono condizionati, mostra quanto peso ha da chi si nasce, dove e come si cresce.Susanna Fioretti si è occupata per venti anni di progetti umanitari della Cooperazione Italiana, della Croce Rossa e di Nove Onlus; in Afghanistan, Yemen, Sud Sudan, Mauritania, Italia e altri Paesi. Ha pubblicato Involontaria (Einaudi, 2011); La tela di Penelope (stampato a Kabul da una cooperativa femminile, Sideral, 2004); Frammenti di una storia Rom-ana (Palombi, 1989). Il 50% dei diritti d'autore derivanti dalla vendita del libro è devoluto al progetto 'Sono una donna e voglio lavorare' per le donne di Kabul e ad altre attività di Nove Onlus (www.noveonlus.org)

Tutta la vita che vuoi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Galiano, Enrico

Tutta la vita che vuoi

Garzanti, 19/04/2018

Abstract: Un solo attimo può contenere tutta la forza dell'infinitoTre ragazzi. Ventiquattr'ore. Una macchina rubata. Una fuga. Una promessa. Perché ci sono attimi che contengono la forza di una vita intera. Così intensi da sembrare infiniti. È un susseguirsi di quei momenti che Filippo Maria vive il giorno in cui, per la prima volta, riesce a rispondere a tono al professore di fisica che lo umilia da sempre. Appena fuggito da scuola vuole solo raggiungere Giorgio, il suo migliore amico che, immobile di fronte a una chiesa, si chiede perché non sia ancora riuscito a piangere al funerale del fratello. Poco dopo incontrano una ragazza che corre a perdifiato: è Clo. Basta uno scambio di sguardi e i tre si capiscono, si riconoscono, si scelgono. La voglia di vivere e di cambiare che hanno dentro è palpabile, impressa nei loro volti. Si scambiano una promessa: ognuno di loro farà quell'unica fondamentale cosa che, di lì a vent'anni, si pentirebbe di non aver fatto. Anzi, lo faranno insieme: Clo sa come aiutarli. Basta scrivere su un biglietto cosa li renderebbe felici. Lei ne ha uno zaino pieno, di motivi per cui vale la pena vivere: le nuvole quando sembrano panna o l'odore della carta di un libro... Ora spetta a Giorgio e Filippo trovare il loro motivo speciale per cominciare a vivere senza forse, senza dubbi, senza incertezze. Ma non sempre chi ci è accanto è sincero del tutto. Clo non riesce a condividere con loro la sua più grande speranza per il futuro. Perché a diciassette anni è difficile lasciarsi guardare dentro e credere che esista qualcuno pronto ad ascoltare i segreti che non siamo pronti a rivelare. Per farlo non bisogna temere che la felicità arrivi per davvero e afferrarla. L'esordio di Enrico Galiano, Eppure cadiamo felici, è stato il libro rivelazione del 2017: dopo aver dominato le classifiche è ora in corso di pubblicazione in diversi paesi europei e ne sono stati acquisiti i diritti cinematografici. Il plauso di stampa e lettori è stato unanime e l'autore è sempre più un "professore celebrità" in rete. Nel suo nuovo romanzo i tre protagonisti parlano di loro stessi, delle loro paure, delle loro speranze e imparano che per sentirsi vivi c'è solo una cosa da fare: mettersi in gioco, rischiare qualcosa di vero.  

Caro mondo
0 0 0
Libri Moderni

Alabed, Bana

Caro mondo / Bana Alabed ; traduzione di Eloisa Banfi

[Milano] : Tre60, 2017

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Bana Alabed ha solo sette anni e con il suo account Twitter, creato nel 2016 con l'aiuto della madre, è divenuta la voce limpida, straziante e innocente della guerra di Siria. Ha descritto con foto e brevi messaggi l'assedio di quattro anni ad Aleppo, i bombardamenti, le battaglie fra ribelli e le forze governative. Ha ricordato a tutto il mondo cosa voglia dire per una famiglia, in particolare per una bambina, assistere e crescere nell'orrore della guerra. Ha scritto direttamente ai potenti e i suoi tweet sono stati più volte ripresi da scrittori, come la Rowling, e altri attivisti per i diritti umani, come Malala. Figlia di un’insegnante d'inglese e di un impiegato comunale, Bana, primogenita di tre fratelli, ha testimoniato le vicende della Siria fino al giorno in cui non è arrivata in Turchia con la sua famiglia come rifugiata.

Finalmente noi
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Tijan

Finalmente noi

Garzanti, 02/03/2017

Abstract: "Siamo sicure che la serie di Tijan farà breccia nel cuore di noi lettrici italiane e quindi siamo in attesa tepidante dell'uscita."Crazy for Romance, blog"Grandi notizie! La serie firmata Tijan sarà presto in Italia. I fratelli Kade sono i degni rivali dei fratelli Maddox e hanno fatto "strage di cuori" oltreoceano. È da tempo che tengo d'occhio questa serie, la leggerò sicuramente!"Greta Book Lovers, blogSiamo diversi.Ma non riesco a starti lontana.E niente potrà dividerci.Samantha ha diciassette anni e pensa di avere una vita perfetta. Brava a scuola, un fidanzato innamorato, delle amiche fedeli. Ma quando un giorno rientra in casa, sua madre, con gli occhi bassi, le confessa di aver lasciato suo padre per un altro uomo: lei e Samantha si trasferiranno a casa sua. Ma il peggio deve ancora venire, perché Sam sarà obbligata a vivere con le persone che odia di più al mondo: Mason e Logan Kade, i figli del nuovo compagno della madre. Li conosce di fama, ma lei non ci ha mai voluto avere nulla a che fare. Campioni di football, attaccabrighe, ribelli, con una ragazza diversa ogni giorno. I più temuti del liceo. I primi giorni in casa, Sam decide di evitarli. Anche se avverte sempre su di sé gli occhi magnetici di Mason. Prova a resistere, ma giorno dopo giorno è più difficile. Perché sotto il suo sguardo si sente come non si è mai sentita, come nessuno l'ha mai fatta sentire. Mason è l'unico che la sa capire, che conosce la strada per il suo cuore. Ma la loro è una storia che sembra impossibile: le loro famiglie si oppongono, e a scuola hanno tutti contro. Finché un segreto terribile non cambierà completamente i loro destini.Inizialmente autopubblicato, Finalmente noi ha scalato le classifiche del "New York Times". Passioni proibite, tradimenti inconfessabili, un amore da togliere il respiro fanno di Finalmente noi il romanzo da non perdere per nessun motivo al mondo.Novembre 2015 Negli Stati Uniti esplode il caso Finalmente noi. Tijan, l'autrice, non crede ai suoi occhi. Quelle storie che aveva autopubblicato quasi per gioco ora hanno milioni di lettori. La storia d'amore nata nelle sue nottate insonni è diventata un fenomeno editoriale che non conosce fine.Gennaio 2016 Grazie solo al passaparola il romanzo scala le classifiche del "New York Times", dove rimane per settimane nella Top Ten. I commenti a cinque stelle affollano tutti i principali social network della lettura.Febbraio 2016 La notizia dell'incredibile successo arriva all'estero. Marzo 2016 In Italia sono i blog ad accorgersi per primi di Finalmente noi. Sulle loro pagine chiedono a gran voce che venga pubblicato. Da tutti, i fratelli Kade vengono paragonati ai Maddox della serie Uno splendido disastro di Jamie McGuire.Maggio 2016 Garzanti si aggiudica i diritti per la pubblicazione del romanzo.Autunno 2016 La notizia della prossima pubblicazione in Italia raggiunge la rete. I blog e i social sono pieni delle anticipazioni del romanzo. Marzo 2017 Finalmente noi arriva in tutte le librerie italiane.

Neppure il silenzio è più tuo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Erdogan, Asli - ANSALDO, GIULIA

Neppure il silenzio è più tuo

Garzanti, 28/09/2017

Abstract: "Una prova di grande eleganza stilistica impreziosita da veri e propri lampi di poeticità."Le Figaro"La forza degli eventi raccontati dona un carattere ancora più universale ad una prosa immaginifica e potente."Le Monde"Asli Erdogan è una delle più grandi intellettuali turche."La Stampa - Marta Ottaviani"La speranza nel potere della scrittura non l'ha mai abbandonata."la Repubblica-Robinson"Un libro bello e duro come la verità, che racconta con lucidità una situazione che tutti dovremmo conoscere e lo fa con spietatezza, ma anche con l'amore di chi crede nella condivisione e in un mondo che potrebbe essere migliore per tutti."Huffington PostC'è una donna sola per le strade deserte di Istanbul. Sta cercando di tornare a casa, ma non riesce più a orientarsi. Le vie un tempo conosciute le sembrano deformate e irriconoscibili. Al suo fianco un cane randagio che, fiutando il suo smarrimento, la guida fino a un incrocio. Adesso tocca a lei scegliere la strada da imboccare, nessuno può indicargliela: può assecondare il silenzio che domina ovunque o può abbatterlo con la forza delle parole.Quella donna è Aslı Erdoğan e all'alba del 16 luglio 2016, all'indomani del cruento tentativo di colpo di stato e nonostante l'imminente repressione dei diritti civili in Turchia, decide di non cedere all'indifferenza, ma di far sentire la propria voce. Decide di essere la prima donna a non avere paura di spezzare quel silenzio assordante, simbolo di un dolore troppo grande da ignorare. Perché non può e non vuole far finta di niente di fronte alla violenza cieca di un governo fin troppo abile nel mettere a tacere i testimoni scomodi. E sa bene che c'è solo un modo per farlo: guardare negli occhi una realtà indicibile alla ricerca di quelle parole che possano generare un grido di indignazione. Un grido di denuncia contro la falsità del potere che priva i cittadini dei loro diritti. Un grido di resilienza contro l'assurdità della condizione umana. Per non essere complice dei colpi che hanno spezzato la vita di donne e bambini innocenti. Per non decidere della sorte di centinaia di uomini che con fatica e dignità cercano di rialzare la testa sotto cumuli di macerie. Per colmare quel vuoto lasciato da uno stato tiranno e restituire a ogni singolo cittadino, senza distinzione, ciò che gli spetta di diritto: libertà, uguaglianza, verità. Nell'agosto 2016, proprio a seguito della sua attività di scrittrice, Aslı Erdoğan è stata arrestata e ha trascorso 136 giorni nella prigione di Bakırköy. Il suo unico delitto: aver osato rivendicare dalle colonne di un giornale pro-curdo la libertà di opinione e di denuncia degli orrori del governo. Neppure il silenzio è più tuo raccoglie alcune delle sue pagine più belle nelle quali la scrittrice e giornalista diventa emblema della resistenza femminile e grida gli ideali che animano la propria lotta intellettuale e assoluta. Nella speranza che quest'opera possa davvero sgretolare il silenzio, almeno là dove le sue parole hanno ancora diritto di cittadinanza.

Non è la fine del mondo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Gazzola, Alessia

Non è la fine del mondo

Feltrinelli Editore, 02/11/2017

Abstract: Una commedia romantica di grande freschezza e sensibilità, secondo lo stile che ha fatto di Alessia Gazzola una delle scrittrici italiane più amate e seguite. Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi preferiti: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo. Avvilita e depressa, dopo una brutta esperienza in una società di produzione cinematografica, trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove viene presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia finalmente allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista. Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov'è? E perché il famoso scrittore che Emma aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica del suo romanzo si è infine deciso a farlo?

Cose che non voglio dimenticare
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Avery, Lara

Cose che non voglio dimenticare

Mondadori, 14/03/2017

Abstract: "Se stai leggendo queste parole, probabilmente ti stai chiedendo chi sei. Sei me, Samantha Agatha McCoy, in un futuro non troppo lontano. Sto scrivendo queste righe per te. Dicono che la mia memoria non sarà più la stessa, che comincerò a dimenticare le cose. Per questo ti scrivo. Per ricordare." Samantha aveva in testa un piano ben preciso. Per prima cosa vincere il campionato nazionale di dibattito, poi trasferirsi a New York e diventare un affermato avvocato per i diritti umani. E infine, ovviamente, conquistare Stuart Shah, il ragazzo di cui è pazza.Tra lei e i suoi progetti però si mette in mezzo la rara malattia genetica di cui è affetta e che poco alla volta - così dicono i medici - le porterà via la memoria e la salute.Ma tutto si può dire di Sammie tranne che sia una diciassettenne che si abbatte facilmente. A un destino tanto assurdo, infatti, decide di opporsi con tutte le sue forze. E lo fa nell'unico modo che conosce: scrivendo. In un diario assolutamente non convenzionale, indirizzato alla sua futura sé e ribattezzato Libro delle cose che non voglio dimenticare, inizia ad annotare tutti i momenti belli (e meno belli) della sua vita: dal riavvicinamento al suo più vecchio e caro amico ai mille modi che lui si inventa per farla ridere, al primo romanticissimo appuntamento con il suo grande amore. E poi, ancora, dalle persone che le hanno spezzato il cuore e quelle che glielo hanno "aggiustato". Perché se davvero lei dovrà andarsene presto, almeno lo farà con la consapevolezza di aver prima assaporato tutto ciò che la vita poteva regalarle. Un romanzo tenero e delicato, una storia struggente che non abbandonerà facilmente il lettore, neanche dopo che avrà letto l'ultima pagina e riposto il libro sullo scaffale.

Vacanze pericolose. Per la prima volta all'estero da sole!
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Buongiorno, Teresa

Vacanze pericolose. Per la prima volta all'estero da sole!

Salani Editore, 06/04/2017

Abstract: UNA DELLE AUTRICI ITALIANE PIÙ AMATEIL ROMANZO DI FORMAZIONE DI UNA RAGAZZA DEGLI ANNI CINQUANTA CHE PARLA AI GIOVANI LETTORI DI OGGI"Capimmo in quel momento che la Francia era il regno della trasgressione, dei diritti infiniti, della libertà d'essere se stessi, e questo ci cambiò dentro". Raggiunta la maggiore età, tre ragazze stanno per trascorrere la loro prima vacanza da sole: un mese in Costa Azzurra, per imparare il francese. Anna è ingenua, curiosa, colma di aspettative. Le sue amiche, invece, sono più spigliate ed emancipate. Siamo negli anni Cinquanta, l'Europa sta nascendo, il mondo è appena uscito dalla Seconda guerra mondiale e l'Italia è diventata una repubblica. I loro genitori non immaginano che le ragazze passeranno un mese di assoluta libertà, senza alcun controllo, né orari da rispettare, e che finiranno talvolta nei guai… Ma in Francia nessuno si formalizzerà se salteranno le lezioni o se non rientreranno la sera. Perché lì ognuno è libero d'essere se stesso, almeno questa è l'impressione che Anna si fa al Collège International.Una storia di ieri simile a tante di oggi, raccontata in prima persona, per scoprire che l'adolescenza è sempre uguale, alla fine, sventata e ribelle, curiosa e piena di voglia di vivere.   

Quel che finisce bene
0 0 0
Libri Moderni

Piumini, Roberto

Quel che finisce bene : storie di bambini intorno al mondo / Roberto Piumini ; illustrazioni di Giovanni Da Re

Milano : Piemme, 2016

I bambini nascono per essere felici
0 0 0
Libri Moderni

Cercenà, Vanna - Francella, Gloria

I bambini nascono per essere felici : i diritti li fanno diventare grandi / [testi di Vanna Cercenà] ; [illustrazioni di Gloria Francella]

Casalecchio di Reno : Fatatrac, 2016

Abstract: L'idea è quella di portare a conoscenza dei piccoli il contenuto della "Convenzione sui Diritti dell'Infanzia" utilizzando lo strumento della filastrocca e del gioco del puzzle delle carte in tavola. I temi trattati sono quelli dell'identità, della famiglia, della partecipazione, dell'educazione, della protezione, della salute, dell'informazione e del controllo dell'attuazione delle regole, il tutto condito dalle immagini divertenti e colorate di Gloria Francella. Ogni filastrocca è preceduta da una breve enunciazione - scritta in termini semplici e comprensibili - dell'articolo da cui prende spunto la filastrocca stessa. Età di lettura: da 3 anni.

Che genio!
0 0 0
Libri Moderni

Sgardoli, Guido

Che genio! : storie di personaggi straordinari / Guido Sgardoli ; illustrazioni di Giuseppe Ferrario

San Dorligo della Valle : EL, 2016

Abstract: Com'erano i geni da bambini? E da adulti? Erano tutti bravi a scuola? Che sogni avevano? Cosa volevano diventare? Le vite di 18 personaggi straordinari, di 18 geni, uomini e donne che hanno lasciato un segno nella storia. Fisica, medicina, letteratura, musica, pittura, cinema, tecnologia, diritti umani, in ciascuno di questi campi c'è chi si è davvero distinto, meritandosi l'appellativo di genio. In questo libro si scoprono curiosità e piccoli segreti legati alle eccezionali vite di alcuni di essi. Ma leggendo le loro storie scopriamo che, oltre a grandi personaggi, i geni sono stati persone esattamente come noi, con difetti, paure, passioni, speranze e affetti. E, cosa più importante, che raramente pensavano di essere dei geni! Età di lettura: da 7 anni.

Bambini a perdere
0 0 0
Libri Moderni

Lannes, Gianni

Bambini a perdere : scomparse, violenze e mercato dei corpi / Gianni Lannes

Cosenza : Pellegrini, 2016

Abstract: L’infanzia è invisibile all’umanità, una realtà senza diritti nonostante leggi e convenzioni internazionali. Un inferno sulla Terra: ogni anno circa 15 milioni di bimbi muoiono prima di festeggiare il loro quinto compleanno, attesta l’Onu. Quando ad annientare bambini e adolescenti non sono la sete, la fame, le malattie, il lavoro sporco è imbastito dalle guerre infinite. Capitolo a parte è la sparizione di 8 milioni di minori ogni 365 giorni, Europa inclusa. Un perverso sistema che alimenta il cancro della pedofilia e il traffico di organi umani. Da considerare in Italia il sequestro di Stato di tanti minori mai resi adottabili, per garantire con sperpero di denaro pubblico, un affare miliardario, nonostante le denunce di genitori, avvocati e associazioni. E il governo Renzi non risponde agli atti parlamentari, inclusa la dilagante pedofilia che non risparmia i neonati. Dei pargoli non si butta via niente, come attesta il fiorente mercato degli organi.

Sebben che siam donne
0 0 0
Libri Moderni

Egan, Hayley

Sebben che siam donne / Hayley Egan

Foggia : Matilda, 2016

Abstract: Rispetto, diritti, giustizia, dignità e coraggio. Come in una macchina del tempo portiamo bambini e bambine nel passato, un passato recente, quello delle nonne e delle bisnonne e facciamo parlare lei, la protagonista, una bambina mandata a lavorare troppo presto, lontana dalla famiglia, assieme a tante altre coetanee, in una risaia. Mondine (o mondariso), le chiamavano. La storia ci dice che sono state un movimento sindacale importantissimo: hanno lottato pur lavorando ore e ore chine sui campi di riso per migliorare le condizioni di vita, gli orari di lavoro, il salario. I loro canti echeggiavano nelle valli. Erano canti di denuncia, erano canti di speranza. Erano abbracci di voci. Dalla storia e dai racconti di alcune mondine e proprio da uno dei brani simbolo del loro repertorio, La lega, il ritornello: Sebben che siamo donne, dà il titolo a questo albo illustrato. Il libro contiene link a brani musicali, libri e cd e al video realizzato dall'autrice, dunque la lettura continua in rete, per conoscere ancora meglio la storia delle mondine. I testi sono in italiano e in inglese, perché il libro sia uno strumento linguistico ma anche per rispettare la narrazione originale. Età di lettura: da 7 anni.

Non è la fine del mondo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Gazzola, Alessia

Non è la fine del mondo

Feltrinelli Editore, 26/05/2016

Abstract: Emma De Tessent. Eterna stagista, trentenne, carina, di buona famiglia, brillante negli studi, salda nei valori (quasi sempre). Residenza: Roma. Per il momento – ma solo per il momento – insieme alla madre, rea di aver chiamato le figlie (Emma e Arabella) come le protagoniste di un romanzo Regency nella convinzione che avere nomi romantici sarebbe stato un punto di forza per loro (per essere sfottute, senz'altro). Cosa non le piace: il chiasso. Le diete. La mondanità. Il rumore dell'aspirapolvere. La maleducazione. La sua idea di felicità: bufera con folate di vento ululanti. Una candela, un divano e un plaid. Un romanzo rosa un po' spinto, rigorosamente ambientato in epoca Regency. Un pacco di biscotti – vanno tutti bene, purché basti guardarli per dichiarare guerra alle coronarie. Sogni proibiti: il villino con il glicine dove si rifugia sempre quando si sente giù. Un uomo che non può (non deve!) avere. Un contratto a tempo indeterminato. A salvarla dallo stereotipo della zitella, solo l'allergia ai gatti. Il giorno in cui la società di produzione cinematografica per cui lavora non le rinnova il contratto, Emma si sente davvero come una delle eroine romantiche dei suoi romanzi: sola, a lottare contro la sorte avversa e la fine del mondo. Avvilita e depressa, dopo molti colloqui fallimentari trova rifugio in un negozio di vestiti per bambini, dove finisce per essere presa come assistente. E così tutto cambia. Ma proprio quando si convince che la tempesta si sia allontanata, il passato torna a bussare alla sua porta: il mondo del cinema rivuole lei, la tenace stagista. Deve tornare a inseguire il suo sogno oppure restare dov'è, in quel piccolo paradiso di tulle e colori pastello? E perché il famoso scrittore che aveva a lungo cercato di convincere a cederle i diritti di trasposizione cinematografica per il suo romanzo si è infine deciso a farlo? E cosa vuole da lei quell'affascinante produttore che per qualche ragione continua a ronzare intorno al negozio dove lavora?

Raccont@rzere
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

AA. VV.

Raccont@rzere

CIESSE Edizioni, 03/06/2016

Abstract: RACCONT@RZERE è un'antologia che raccoglie i venti racconti vincitori (più una menzione speciale) della I edizione 2016 del Premio Letterario rivolto agli alunni che frequentano la Scuola Secondaria di Primo Grado e le classi quarta e quinta della Primaria residenti nel Comune e/o frequentanti l'Istituto Comprensivo di Vigodarzere (PD). L'intento del Premio è quello di stimolare gli alunni a mostrare il proprio talento, dare un obbiettivo concreto alla passione per la lettura, far emergere l'interesse per la scrittura e la conoscenza della lingua italiana, oltre a mettere in pratica ciò che a scuola, con gli insegnanti, si studia e s'impara. Una significativa palestra per far crescere umanamente e culturalmente i nostri ragazzi. Il concorso, a cui hanno partecipato 87 alunni, è stato organizzato dall'Amministrazione comunale di Vigodarzere in collaborazione con il Comitato Genitori e alcuni docenti del territorio in qualità di volontari. Tutti i racconti sono stati sottoposti al giudizio di una Giuria composta da genitori, insegnanti, rappresentanti del Comune ed esponenti della cultura locale. A garanzia di imparzialità, il Presidente della Giuria è stato un soggetto esterno. Il tema dell'antologia è: "Lungo la Brenta…". = Per volontà degli Autori e dell'Editore, l'intero ricavato dei diritti d'autore verrà devoluto a favore di un Ente benefico, riconosciuto ufficialmente quale ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale), indicato dal Comitato Genitori. =

IL FAVOLOSO MONDO DEI VOLATILI. Racconti per l'inclusione a scuola
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Battaglia, Katja

IL FAVOLOSO MONDO DEI VOLATILI. Racconti per l'inclusione a scuola

15/06/2016

Abstract: Il volume contiene venti racconti scritti, dagli alunni della classe I B della Scuola Secondaria di primo grado del Plesso di Caramanico Terme, riunito all'Istituto Comprensivo "Benedetto Croce" di San Valentino (PE), di cui la Dirigente Scolastica è la prof.ssa Maria Assunta Michelangeli. Questo lavoro è stato realizzato nelle ore del Laboratorio di Scrittura Creativa. Le metodologie applicate sono il cooperative learning (l'apprendimento cooperativo) e il learning by doing (l'imparare facendo). All'inizio di ogni racconto, di cui sono protagonisti gli uccelli, la diversità è vista in chiave negativa e genera paura, ansia e sospetto nella maggior parte dei personaggi. Ma poi, alla fine di ogni testo, viene presentata come un valore e solo grazie ad esso ogni vicenda si conclude a lieto fine. L'Italia da ben quarantacinque anni, a differenza degli altri Paesi Europei, ha valorizzato l'integrazione scolastica degli alunni con disabilità nella scuola ordinaria, a partire dalla prima legge datata 1971, fino ad arrivare a quella principale più attuale, la Legge Quadro 104 del 1992. Negli ultimi anni anche la Comunità Europea ha focalizzato la sua attenzione sull'educazione dei bambini con bisogni speciali e sulla loro integrazione nelle scuole. Ne sono un esempio la Dichiarazione di Salamanca, la Carta di azione per i bisogni educativi speciali (UNESCO 1994). Fondamentale risulta La Convenzione dei diritti delle Persone con Disabilità, redatta dall'Organizzazione delle Nazioni Unite (2006) e sottoscritta da molte nazioni.
 Oggi il termine integrazione scolastica è stato sostituito dalla parola inclusione. Con questo vocabolo si fa riferimento al processo attraverso il quale la scuola, per mezzo dei suoi principali protagonisti, il Dirigente Scolastico, i docenti, gli studenti, le famiglie e il territorio si impegnano a rispondere ai bisogni di tutti gli individui e in particolare dei bambini con bisogni speciali.

After
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Todd, Anna

After

Sperling & Kupfer, 04/07/2016

Abstract: IN UN UNICO EBOOK, I PRIMI DUE VOLUMI DELLA SERIE CULTO CHE HA GIÀ CONQUISTATO OLTRE UN MILIARDO DI LETTORI. Acqua e sapone, ottimi voti e con un fidanzato perfetto, Tessa è al primo anno di college e il suo futuro sembra già segnato... Sembra, perché appena mette piede nel campus s'imbatte in Hardin. E da allora niente è come prima. Lui è il classico cattivo ragazzo, tutto fascino e sregolatezza, arrabbiato con il mondo, arrogante, ribelle e… tanto sexy. Tessa lo detesta eppure non può fare a meno di baciarlo. Ma stare insieme è a tratti impossibile e lo è ancora di più stare lontani. Tra liti e una passione travolgente, quando finalmente Tessa e Hardin sembrano aver trovato un equilibrio, una sconvolgente rivelazione rimette tutto in discussione. Tessa non sa che fare: la sua vita prima di lui era così semplice e chiara. Ora, dopo di lui, è solo… dopo. Chi è davvero Hardin? Il ragazzo dolce e tormentato di cui si è innamorata o soltanto uno sporco bugiardo? Sola in compagnia del ricordo delle sue braccia, della sua pelle, dei suoi baci, Tessa prova ad andare avanti. Hardin sa bene di aver commesso un errore, forse il più grande della sua vita, e non ha intenzione di arrendersi senza combattere. Saprà cambiare? Cambiare... per amore? After è stato il primo, inimitabile fenomeno mondiale targato Wattpad, nonché il caso editoriale del 2015. Già bestseller negli Stati Uniti, in Brasile, Francia, Spagna e Germania, e tuttora in corso di pubblicazione in 30 Paesi, da mesi domina le classifiche italiane dei libri più venduti. E la Paramount Pictures ne ha acquistato i diritti cinematografici.

Voglio una vita a forma di me
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Murphy, Julie - Mambrini Simona

Voglio una vita a forma di me

Mondadori, 20/09/2016

Abstract: Non voglio fare la figura della cicciona che finisce con il sedere per terra.Non sono così ingenua. So benissimo che non vincerò. Nemmeno lo voglio, del resto.Quello che voglio è salire su quel palco e dimostrare al mondo che ho tutti i diritti per farlo.

Dal libro dell'Esodo
0 0 0
Logo MediaLibraryOnline Risorsa locale

Kyenge, Cécile - Rumiz, Paolo - Biagiarelli, R. (a cura di) - Biagiarelli Roberta

Dal libro dell'Esodo

Piemme, 27/09/2016

Abstract: Centinaia e centinaia di fuggitivi - a piedi - forzano il blocco e sfondano la linea di confine greco-macedone. Con filo spinato e granate assordanti la polizia cerca di frenarli. Arrivano dalla Siria, dall'Iraq, dall'Afghanistan e premono per entrare nei Paesi della zona Schengen. Il governo di Skopje usa il pugno duro. Un fotografo e una documentarista volano sul posto per vedere con i propri occhi quel che sta accadendo e raccontano con coraggio questo esodo biblico. Secondo i dati ufficiali, sono quasi sessantamila i migranti arrivati in Macedonia dall'agosto 2015 a oggi. Cercano di raggiungere l'Europa, forzando il cordone di sicurezza attraverso il posto di frontiera macedone di Gevgelija. La polizia usa bastoni, raddoppia il filo spinato, ma i confini vengono sfondati e la maggior parte dei profughi - uomini, donne, bambini - si dirige camminando sui binari verso le più vicine stazioni ferroviarie per andare verso la Serbia e, da lì, raggiungere l'Ungheria e poi gli altri Paesi europei. Sono notti trascorse all'addiaccio, nei campi, sotto la pioggia, con scarso accesso a cibo e acqua. È un camminare a piedi caparbio, che lascia sulla terra orme di dolore, di speranza e di tragica lotta per la sopravvivenza. Le immagini e le parole di questo reportage di grandissima intensità testimoniano la forza e la dignità umana di chi cammina. Gli "esiliati" sono consci di esercitare un diritto primordiale: attraversare i territori. Qualcosa di antico, di atavico, ma anche di assolutamente nuovo.