Community » Forum » Recensioni

Cronache del rum
0 1 0
Thompson, Hunter S.

Cronache del rum

Milano : Baldini Castoldi Dalai, 2007

  • Copie totali: 1
  • A prestito: 0
  • Prenotazioni: 0

Abstract: Ripugnante come pochi, scrive Hunter S. Thompson in questo suo lavoro del 1959, in qualche rara occasione dimostrava lampi di intelligenza stagnante. Ma il suo cervello era così marcio per l'alcol e per quella vita dissoluta che quando cercava di avviarlo sembrava un vecchio motore ingolfato rimasto inzuppato troppo a lungo nel lardo. Sorpresa: Thompson non sta scrivendo di se stesso! Uno dei più geniali e folli romanzieri/giornalisti americani descrive così la vita di un uomo di nome Moberg a Portorico, giornalista sconclusionato e stonato la cui più grande abilità sta nel riuscire a ritrovare la propria macchina dopo una serata di delirio etilico, grazie al cattivo odore dell'auto stessa più che al suo olfatto. In realtà, l'eroe, il protagonista di questo romanzo autobiografico, è il trentenne Paul Kemp. Intrappolato in un lavoro senza prospettive, sente il suo talento evaporare veloce come il rum versato in un pugno, e vede allontanarsi il sogno di emulare i suoi modelli, Hemingway e Fitzgerald. Thompson aveva 22 anni quando scrisse le Cronache del rum ma era terrorizzato di finire come Moberg. Lo salvò il fantastico incendio creativo degli anni Sessanta, quello che ispirò Paura e disgusto a Las Vegas, esordio di quello che sarebbe diventato il padre del giornalismo gonzo, il più pericoloso e irriverente scrittore della sua generazione.

34 Visite, 1 Messaggi

Altro libro, altro mondo. Questo è strambo, insensato, divertente. I personaggi sono intelligenti (giornalisti), intraprendenti, ma nello stesso tempo, spacciati, spacconi e sbevazzano tutto il tempo. Il lavoro è incerto, come il loro scopo nella vita. La Porto Rico descritta è bella e brutta allo stesso tempo. Un libro della beat generation che socchiudendo gli occhi potrebbe anche essere un film di fantascienza: il mondo descritto è intrigante, distopico, altamente pericoloso, ma (grandezza del libro) mai drammatico, sempre scanzonato: il lettore sa che i nostri balordi eroi troveranno una via di uscita. Per il resto la provvisorietà è il fulcro della vita.

  • «
  • 1
  • »

775 Messaggi in 725 Discussioni di 72 utenti

Attualmente online: Non c'è nessuno online.