Per visualizzare solo le opere letterarie del Fondo Armando Gnisci:

Fondo Armando Gnisci - solo opere letterarie

 

 

Includi: tutti i seguenti filtri
× Lingue Albanese

Trovati 10 documenti.

Erbamara Barihidhët
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

Erbamara Barihidhët / Gëzim Hajhdari

Isernia : Cosmo Iannone Editore, 2013

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Antologia della pioggia
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

Antologia della pioggia / Gezim Hajdari ; traduzione dell'autore ; [prefazione di Antonio Crecchia]

2. ed

Sant'Arcangelo di Romagna : Fara, 2000

Sogno di un'anima
0 0 0
Libri Moderni

Doku, Lindita

Sogno di un'anima / Lindita Doku

[S.l. : s.n.] (Alberobello : AGA Arti Grafiche Alberobello, stampa 2009)

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Erbamara
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

Erbamara / Gezim Hajdari ; traduzione dell'autore

Santarcangelo di Romagna : Fara, [2001]

TerrEmerse

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 2
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
I canti dei Nizam
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

I canti dei Nizam = Kenget e nizameve / Gezim Hajdari ; traduzione dall'albanese di Gezim Hajdari

Nardò : Besa, [2012]

Nuove lune ; 84

Fa parte di: Nuove lune

Abstract: La lirica popolare albanese - appartenente a una cultura prealfabetica - è riuscita a conservare fino a oggi i valori etici e morali del passato, tramandandoli da una generazione all'altra attraverso bardi e rapsodi. Essi rispecchiano l'anima, lo spinto e gli ideali del popolo albanese, dentro e fuori dai suoi territori geografici. Sono stati proprio i canti popolari che hanno mantenuto viva la memoria collettiva delta nazione nei momenti bui e tragici della storia, arricchendo così la tradizione culturale e l'identità stessa degli shqiptar. Per la prima volta si propone al lettore italiano il ciclo dei canti lirici popolari dei nizàm (così venivano chiamati in turco i soldati albanesi che combattevano per conto della Sublime Porta di Istanbul), parte del patrimonio culturale del paese delle aquile e finora sconosciuti al di fuori dei confini nazionali. Sono di una bellezza rara e unica. Vengono cantati dagli uomini nelle cerimonie e nei matrimoni e tramandati di padre in figlio.

Leggenda della mia nascita 1976-1986
0 0 0
Libri Moderni

Mustafaj, Besnik

Leggenda della mia nascita 1976-1986 / Besnik Mustafaj ; traduzione di Gëzim Hajdari

Roma : Ensemble, 2012

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Forse la vita è un cavallo che vola
0 0 0

Forse la vita è un cavallo che vola / prefazione di Achille Millo ; a cura di Daniela Costanzi ; traduzioni in albanese di Gezim Hajdari

Roma : Empiria, [2000]

Le felci di poesia ; 6

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
La manutenzione delle maschere
0 0 0
Libri Moderni

Dedja, Arben

La manutenzione delle maschere / Arben Dedja ; a cura di Mia Lecomte

Bologna : Edizioni Kolibris, 2010

Fa parte di: Swallow

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Poema dell'esilio
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

Poema dell'esilio / Gezim Hajdari

2. ed. ampliata

Santarcangelo di Romagna : Fara, 2007

Fa parte di: Neumi

  • Non prenotabile
  • Copie totali: 1
  • In prestito: 0
  • Prenotazioni: 0
Peligorga
0 0 0
Libri Moderni

Hajdari, Gëzim

Peligorga / Gezim Hajdari

Nardò : Besa, ©2007

Abstract: Il canto si sdipana da un passato precedente al poeta stesso, diviene un interrotto raccontare che intreccia luoghi e personaggi, eventi storici e familiari in un sofferto oscillare tra il sé e il mondo, l'individualità e la natura, l'uomo e la storia. Emblematicamente per questo viaggio la peligòrga, umile uccello di Darsìa, si fa gitana, nomade, errante, solitària, sopravvissuta e desiderosa di recuperare ciò che rischia di andare irrimediabilmente perduto. Il vissuto risale in superficie, si ricompone in un diario che restituisce senso all'esistenza del disperso, del naufrago la cui anima rimane pericolosamente in bilico tra orrore e salvezza, pazzia e parola.Ricorrono in Peligòrga gitana le immagini care al poeta, il gelo, la pioggia, il paesaggio aspro e desertico del paese natale, ma, a differenza delle precedenti raccolte, essi ora sono spazi naturali popolati da volti che riaffiorano con inisistenza alla memoria, personaggi segnati da destini feroci, profezie, incubi e perenni dannazioni. Sono le voci fantasmatiche del passato che perseguitano il poeta, lo sottopongono alla estenuante condanna del ricordo. Solo il canto può liberare dall'incubo, dallo strazio di ciò che è rimasto inespresso, soffocato, seppellito eppur insistentemente riaffiorante.